Trova il copertone compatibile con la tua bici

BMX

I più venduti

L'invenzione della BMX in California


La BMX è nata in California nel 1968 per proporre un'alternativa più economica alla Motocross, anche chiamata MX. Questo spiega tra l'altro il nome delle bici "BMX" che sta per Bicycle Motocross. Sin dagli anni 70 e 80, la BMX trova velocemente il suo pubblico, composto principalmente da adolescenti e giovani adulti. La BMX è arrivata in Europa dalla fine degli anni '70 e la pratica della BMX Freestyle è nata nello stesso momento. Si tratta di una piccola bicicletta che spesso ha solo un freno posteriore. la maggior parte delle BMX ha delle ruote da 20 pollici.


Gare di BMX Race su piste di bicross


La Race, anche detta bicross è la disciplina storica della BMX. Si tratta di uno sport olimpico dalle Olimpiadi del 2008 a Pechino. La BMX race si pratica su dei circuiti lunghi fra 350 e 400 metri costituiti da dossi e curve sopraelevate. Si svolge in gare di 8 piloti su una pista costituita da hoops, tables e dossi doppi o tripli, il vincitore è quello che supera la linea d'arrivo per primo. Esistono diverse categorie di BMX Race: micro, mini, junior ed expert XL per i bambini con degli pneumatici da 20 x 1.1/8 pollici o 20 x 1.3/8 pollici (ETRTO 451mm); Pro, Pro XL e Pro XXL con degli pneumatici da 20 x 1.50 fino a 20 x 1.75 pollici (ETRTO 406mm) e Cruiser con dei copertoni da 24 pollici di diametro (ETRTO 507mm).


BMX Freestyle: Dirt, Street, Park, Flat


La BMX Freestyle è uno sport presente agli X-Games che può essere praticato in diversi modi. Il rider fa salti e manovre. I componenti sono robusti ed i copertoni sono larghi (eccetto i copertoni BMX Flatland), generalmente fra 2.30 e 2.40 di sezione. Esistono tuttavia delle differenze a seconda delle discipline: i copertoni BMX Trail / Dirt sono infatti più ramponati che i copertoni Street / Park. I pegs sono degli accessori tipici delle BMX. Utilizzati in Street, Park e Flatland, permettono di scivolare o di appoggiare i piedi.

> BMX